L’oratorio di San Rocco si trova a Vidiciatico a 50 metri dal centro del paese e fu edificato nel 1631 per collocarvi le statue in cartapesta dei Santi Rocco e Sebastiano, ai quali venne attribuita la miracolosa cessazione della peste scoppiata nel 1630 che colpì 23000 bolognesi della città e 18000 della provincia.

Tutta la zona rimase gravemente colpita dalla peste del 1630 e si racconta che gli appestati, ormai prossimi alla morte, per non essere di contagio agli altri, andassero nel campo sottostante il paese, scavassero una fossa e vi si adagiassero in attesa della fine. Deliberato l’acquisto delle due statue, queste furono portate a Vidiciatico e, come vi giunsero, la peste cessò; in ricordo di questo evento ogni anno, il primo di agosto, si svolge la festa del voto.
L’esterno dell’oratorio è caratterizzato da un bel portico sostenuto da colonne in arenaria locale, con travature lignee originali, e dal bellissimo campanile a vela, unico esempio in zona. La copertura è a piagne. L’interno è a cella unica e a pianta rettangolare; vi si trovano una statua della Madonna del Rosario e due quadri antichi: uno riproduce un papa con un monaco, l’altro la Madonna del Loreto con i Santi Pietro, Giovanni, Rocco e Sebastiano. Recentemente è stato portato alla luce un affresco rappresentante una figura maschile stante in una nicchia, che risale probabilmente al periodo di costruzione dell’edificio (1631), sebbene presenti alcuni elementi tardo gotici. A causa della presenza di un libro e di un bastone, si suppone che tale figura rappresenti San Giacomo Maggiore in veste da pellegrino.