Le frittelle di castagne sono un dolce tipico del mese di gennaio.

Queste frittelle ovviamente venivano preparate anche in altri momenti dell’anno, ma sono legate al mese di gennaio per una ricorrenza particolare.

Il 25 gennaio infatti è il giorno di San Paolo, momento in cui venivano divinati “i segni”. La parola segni, in questo caso particolare, indicava sia le frittelle stesse (preparate per l’occasione) che le condizioni meteorologiche che erano state raccolte dall’1 al 24 gennaio. Queste il 25 venivano divinate, così da indovinare che tempo avrebbe fatto durante tutto l’anno.
Le frittelle erano inoltre il primo “cibo grasso” dell’anno, il primo del periodo di Carnevale ormai imminente.

Scegliere di cucinare le frittelle di castagne è un modo per tenere vive le tradizioni montanare…e anche per gustare una merenda buonissima!

Scopriamo la semplicissima ricetta delle frittelle:

500 grammi di farina di castagne
Un pizzico di sale
Acqua q.b.
Volendo potete aggiungere anche un pizzico di zucchero, una punta di bicarbonato per aiutare la “lievitazione” e uvetta e pinoli per rendere le frittelle più gustose.
Il procedimento consiste semplicemente nell’amalgamare gli ingredienti in una terrina, mesdare bene (mescolare bene), fino a ottenere un composto omogeneo e non molto liquido.
Mettete poi a bollire l’olio per friggerle. Una volta a temperatura con un cucchiaio prelevate un po’ di impasto e mettetelo semplicemente nella padella. Una volta raggiunto un colore bruno saranno pronte! Non dimenticate gi girarle almeno una volta durante la cottura, così da controllarla bene.

Un’altra ricetta davvero semplice e gustosa, che tiene vive sie le ricette che le tradizioni montanare.