Alle quote inferiori il faggio inizia a svilupparsi solo limitatamente ai versanti più freschi e umidi, ma ben presto si afferma con tutta la sua eleganza divenendo la specie arborea più diffusa. Si spinge fino a 1600-1700 m d’altitudine, segnando così il limite degli alberi. Il sottobosco è caratterizzato da differenti e numerose specie erbacee.