L’Eco della Musica – Festival ecologico musicale dai crinali degli Appennini – raggiunge quest’anno l’XI edizione.

L’Eco della Musica è un’iniziativa che da anni porta la musica ad alta quota, tra gli spettacolari panorami del Corno alle Scale. Quest’anno saranno due le location scelte per i concerti ad alta quota.

Venerdì 9 agosto 2019 l’appuntamento è presso il rifugio Segavecchia (Pianaccio), dove dalle 21:00 Marianne Gubri suonerà la sua arpa celtica (“Sounding nature”). Dal silenzio emergono le prime note di un’arpa celtica che evoca scenari medievali, dove un sentiero si inoltra nella nebbia per giungere alle proprie radici.

Sabato 10 agosto il festival si sposta nella tradizionale location del Lago Scaffaiolo (Corno alle Scale), presso il rifugio Duca degli Abruzzi. La rassegna inizia alle 21:00 con “Mediterranean Mood”, concerto per voce e chitarra di Giovanni Seneca e Anissa Guizi. Nello spettacolo s’intrecciano composizioni originali e canti tradizionali che abbracciano l’inisieme delle tradizioni mediterranee in varie lingue e dialetti.

Domenica 11 agosto alle 6:30 l’Eco della Musica saluta l’alba con “Alba elettromagnetica”, concerto di Valeria Sturba (voce, violini, theremin, elettronica). Aggiunge e moltiplica i suoni e si creano mondi paralleli, in cui voci soavi si confondono con i theremin, maiali gialli diventno cantanti e canzoni dolci malinconiche sprofondano in abissi di noise.
I concerti proseguono alle 11:00 con “Minor swing”: spinti dall’amore per il gipsy jazz, ma desiderosi di creare un loro proprio sound ibrido, decidon di riprendere i brani della tradizione manouche e provare a renderli loro.

Bivacco temporaneo: nella serata del sabato, montando le tende dopo il tramonto e smontandole entro le ore 10 del giorno successivo, è possibile il bivacco temporaneo. Visto che il permesso ricevuto prevede un numero limitato di tende, per avere informazioni e autorizzazioni, è necessario contattare il rifugista Antonio Tabanelli al numero 347 7129414.